Sobremesa, in spagnolo, indica il momento di chiacchierata post pranzo o post cena. Quel momento in cui la compagnia è piacevole, il posto è bello e pur di andare avanti a parlare con i tuoi commensali ordini un altro dolce, un’altra bottiglia di vino, un whisky, un passito… e magari la sobremesa va avanti fino alle 5 del mattino.

Ho sempre avuto la passione per le parole. Parole di ogni tipo, parole scritte e lasciate lì a prendere la muffa, parole dette senza darne peso, parole pensate e non dette, parole dette ma non pensate.

Ma soprattutto, ho sempre avuto la passione per le parole che hanno un significato intraducibile in altre lingue. La mia preferita è Aware, è un concetto estetico giapponese, una sensazione nostalgica legata al suo incessante mutamento dei nostri momenti più belli.
Non ho chiamato così questo Podcast perché ai tempi dell’università, insieme ad un mio grande amico, ho fondato un magazine con questo nome, e anche se non esiste più, nella mia testa era già occupato.

Ma attenzione, c’è anche un sottotitolo pomposo. Di vizi, di sport, di umanità e virtù. Ecco, questo è il fil rouge. Ogni episodio parlerà di una o più di questi argomenti. Indirettamente o direttamente. Esplicitamente o implicitamente.

L’umanità, perché per quanto io non la stimi, è il centro nevralgico di ogni nostro discorso. Mi rendo sempre più conto di quanto i miei pensieri, le mie azioni, il mio mood, siano altamente condizionati dagli stimoli umani esterni che ricevo in quel periodo.

I vizi e le virtù perché sono i due poli opposti dell’umanità. Il modo migliore per guardare dentro una persona è guardare i suoi punti più alti e più bassi. Quali sono i suoi vizi, cosa lo fa barcollare. Quali sono le sue virtù, cosa gli fa alzare la testa con lo sguardo fiero.

Ed infine lo sport. La leva più forte che conosca per prendere con forza le altre tre parti del sottotitolo e buttarle fuori. Quando fai sport, togliamo un filtro e mostriamo come siamo veramente, come se buttassimo via delle maschere che quotidianamente ci portiamo dietro.

Ci saranno delle interviste, o meglio, dei momenti di Sobremesa con alcuni personaggi, più o meno famosi, ma tutti interessanti.

Gli episodi saranno corti, mai più di 20 minuti.

Insomma, se siete arrivati fino a qui ci sono buone possibilità che vogliate ascoltarlo. Almeno un po’.

Benvenuti a Sobremesa.

Grazie a Fabiana, Giovanni, Davide, Giusy e Alessandra per l’enorme pazienza e i consigli.

Grafiche di Daniela Di Matteo.